amaranto e quinoa, primi, secondi

"Spinacine" di amaranto



L’amaranto è un seme eccezionale, anzi di più: non è un cereale quindi è senza glutine (appartiene alla famiglia delle Chenopodiacee
come quinoa e spinaci), è ricchissimo di calcio, ferro e vitamine (100 grammi contengono più calcio dello stesso peso di latte vaccino!), ha un profilo amminoacidico ottimo rispetto ai classici cereali ed un elevato contenuto proteico (il 15%, niente male!) altamente assimilabile.
Il difetto sono le dimensioni: si tratta di un chicco veramente piccolissimo, molto duro, che richiede lunga cottura (perlomeno rispetto alle dimensioni: 20 minuti in pentola a pressione). Le dimensioni microscopiche e la “collosità” del prodotto cotto lo rendo talvolta difficile da usare in cucina.
Propongo un modo veloce per presentarlo, sopratutto ai bambini, talvolta poco attratti dalla sua consistenza.
Ho usato dell’amaranto ben cotto, mettendolo nel frullatore assieme ad un poco di spinaci freschi (per le dosi, veramente ad occhio! Chiedo venia, ma non ce la farei a pesare le foglie di spinaci!), olio, sale e una punta di curcuma, lievito alimentare in scaglie e germe di grano, infine un poco di pangrattato (per rendere più asciutto l’impasto). Ho frullato il tutto per macinare un poco i semini, dal momento che spesso i bambini piccoli hanno difficoltà a digerirli interi e si ritrovano nel pannolino!
Una volta ottenuta la consistenza desiderata, ungendo o bagnandosi le mani, ho formato dei “dischetti”, li ho passati nel pangrattato e li ho cotti in padella antiaderente con pochissimo olio. E’ possibile prepararli in anticipo e scaldarli al bisogno.
Per migliorare la consistenza avrei voluto aggiungere una patata bollita schiacciata, ma ero sprovvista ed ho fatto senza; è stato un po’ più difficile lavorare l’impasto, poiché, fino a quando non è ben cotto, rischia di rompersi, ma ultimata la cottura la consistenza era comunque perfetta.
Queste spinacine sono venute buone, sono facili da fare e da “accompagnare” ed ogni modo diverso per proporre l’amaranto merita un post!

Annunci

22 thoughts on “"Spinacine" di amaranto”

  1. non l’ho mai,mai mangiato, mi sono informata e ho letto che possono anche “scoppiare” come i pop corn volendo!
    non ho neanche la più pallida idea di dove andare ad acquistarlo però…:(
    mi hai fatto venire una fameeee!!!!

    Mi piace

  2. Questa la devo propio provare, dopo il successone avuto con le polpette di miglio…
    Domande: hai già provato a cuocerlo in pentola e non con quella a pressione? io per il momento non ce l’ho ancora…
    Per la cottura procedo come per il miglio? una tazza di cereale e due di acqua? e non rimestare fino a fine cottura?
    grazie !!

    Mi piace

  3. Ciao Isabelle!
    Bell’idea, le spinacine. Io ho preso una busta di amaranto dopo aver letto il tuo post sui “pop-corn” (ne ho parlato anche in una ricetta su veganblog) Ma oltre allle zuppe, mai andata più in là.
    Magari provo queste cotolettine, o le modifico un po’.

    Ma non scrivi più su veganblog?

    Luby, io l’amaranto lo prendo da Naturasì.

    Mi piace

  4. @Luby: puoi acquistarlo nei negozi di alimenti naturali. Ho postato una foto dell'amarnto scoppiato!

    @Faby: in pentola normale deve cuocere mezz'ora abbondante; comunque tu assaggia ed aggiungi acqua se serve. Il rapporto semi/acqua è di 1:3, ma in pentola scoperta forse serve anche più acqua 😉

    @Ilcucchiaiod'oro e Manu & Silvia: grazie; se vi capita di trovarlo assaggiatelo perchè è davvero particolare, con un retrogusto di nocciola!

    @Linda: grazie dell'invito! Appena ho un'attimo partecipo 🙂

    @Vale: sono pessima, lo so! E' che non scrivo mai come si deve gli ingredienti e mi sento imbranata, ma questa l'ho messa anche su veganblog, tra un po' la posteranno 😉

    Mi piace

  5. wow, hai sempre delle idee incredibili, ma come fai?
    io ogni volta che provo a fare la creativa in cucina mi ritrovo delle mega mappazze immangiabili 😦

    che bello, manca poco al veganfestival, non vedo l’ora di rivederti!

    Mi piace

  6. ciao ti leggo sempre, sono mamma anch’io e tu e tippitappi siete la mia fonte d’ispirazione per la dieta dei bimbi! Io sono di torino, per caso vai al VegFestival il prossimo fine settimana?

    Mi piace

  7. Ciao Emi e grazie (arrossisco)…
    Sì, al Veg festival vengo di sicuro: il venerdì per la conferenza di Proietti, sabato dal pomeriggio e domenica pure, credo.
    Probabilmente ci incontriamo 🙂

    Mi piace

  8. ok, io pensavo di portare le due bimbe a pasticciare all’area bimbi intorno alle 16,30 di sabato, poi per la merenda mi raggiunge mio marito col bimbo più grande e io vado ad allattare il piccolo nella zona apposta.. che casino! spero di riconoscerti se ti vedo.. ciao!

    Mi piace

  9. è un po’ che seguo saltuariamente questo blog. mi piace perché spesso le ricette sono semplici e salutari (indimenticabile il cavolo cappuccio con i semi di senape – che mangia anche il bimbo di due anni!). domani compro l’amaranto e provo anche queste spinacine.

    Mi piace

  10. Molto bene, non so mai come cucinare l'amaranto, che compro perché proteico per i miei allenamenti sportivi, ma poi non so mai come cucinare. Proverò sicuramente questo modo!

    Mi piace

  11. Sono l'unica a cui piacciono anche le pappe collose 😀 ???
    @Erbaviola, Yari: sfruttare le proprietà appiccicose per polpette e sformati in forno dà molta soddisfazione! E Yari, se a volte mangi il muesli devi assolutamente farti l'amaranto scoppiato!
    @Eliana: 🙂 sono ottime, perchè l'amaranto è molto saporito!
    @Fabio: grazie!!!

    Mi piace

  12. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su “Inserisci il tuo blog – sito”
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    Mi piace

  13. Sembrano proprio buone! 🙂 Complimenti! Io il germe di grano non l'ho mai usato, a cosa serve? Per il gusto o la sostanza? Posso ometterlo o sostituirlo con altro?
    Un saluto
    Claudia

    Mi piace

  14. @Claudia: il germe di grano è ricco di nutrienti e mi serviva per asciugare un po' l'impasto (con l'amarnto è facile che venga troppo “molliccio” e a questo proposito consiglio chiunque ci provi di aspettare che si sia raffreddato ;-)). Puoi sostituirlo con farina per legare o pangrattato in più!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...