Tofu al prezzemolo con contorno piccante


Un Secondo super, ma direi più un piatto unico!

Le patate hanno un elevatissimo potere saziante e il tofu apporta tutta la quota proteica di un pasto completo!

Il prezzemolo è ricchissimo di vitamina C, anche se ovviamente più sono lunghi i tempi di cottura e più questa diminuisce, essendo sensibile al calore. Inoltre è uno degli aromi più facili da coltivare in vaso, anche per chi ha poco spazio…

Ingredienti (per 2 persone):

-1 patata di montagna (quelle con la buccia rossiccia) bella grossa

-2 o 3 rape di medie dimensioni

-2 o 3 carote

-1 spicchio di aglio

-1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

-1 cucchiaino di peperoncino macinato o polvere piccante (thai o indiana)

-200 g di tofu aromatizzato al prezzemolo

Preparazione:

Innanzi tutto, dopo aver fatto il latte di soia con la macchina apposita, ho aggiunto un cucchiaino di fosfato di calcio direttamente nella brocca, mescolando bene, per far cagliare il latte. Quando ho versato la cagliata nella pressa ho aggiunto un paio di cucchiai di prezzemolo tagliato grossolanamente. Dopo circa mezz’ora a sgocciolare con un peso sopra il tofu è pronto per essere cucinato!

In alternativa naturalmente si può acquistare del tofu pronto (in commercio se ne trovano aromatizzati al basilico e altre erbe).

In una padella capiente faccio rosolate lo spicchio di aglio, poi aggiungo la patata, le rape e le carote tagliate a fette. Aggiungo un bicchiere circa di acqua per permetterne la cottura con coperchio a fuoco allegro. I tempi di cottura dipendono da quanto avete tagliato fine la patata e le verdure, quindi ognuno si regoli di conseguenza!

Solo a fine cottura metto il tofu tagliato a strisce larghe per insaporirlo e scaldarlo, senza farlo cuocere troppo in modo da non distruggere tutte le vitamine del prezzemolo!

Infine una bella spolverata di condimento piccante dà quel tocco in più che rallegra il piatto, però è possibile omettere questo ingrediente se il piccante non piace o si hanno problemi di gastrite…

Io lo trovo un ottimo piatto per una cena che non appesantisca, ma al tempo stesso sia saziante ed appagante!

Annunci

8 thoughts on “Tofu al prezzemolo con contorno piccante

  1. mi complimento pure io, ma….questo bel tofu autoprodotto m’intristisce visto che i miei primi due tentativi sono falliti miseramente….mi aiuti a ricapitolare???io ho la veganstarfaccio il latte (ne viene 1 l. abbondantino), gli do un’ulteriore girata di frullo con l’apposito programma (così il mio okara ha una grana sottile e lo utilizzo meglio), apro, aggiungo un cucchiaione di nigari e…..niente!! ovvero, pappetta sabbiosa ma NON fiocchi!! ma che dimensione devono poi avere ‘sti fiocchi??? perchè io ci ho provato a filtrare la pappetta sabbiosa su un colino ricoperto di garza…ma è rimasto un cucchiaino (giuro, UN cucchiaino da tè) di sabbietta umida!!!!😦ho pensato: non sia il mio latte troppo “annacquato”?non sia la quantità di nigiri insufficiente?mi seccherebbe un po’ buttare via un altro litro di latte..:-(ti ringrazio del consiglio che vorrai darmi!buona giornatamarta

    Mi piace

  2. Ciao Marta! Premetto che io non uso il nigari, ma il fosfato di calcio. Non credo che sia un problema di latte troppo acquoso (comunque indicativamente io metto 100 grammi di soia nella macchina), magari poco, ma dovrebbe cagliare lo stesso! I fiocchi della cagliata però sono piccoli (almeno a me vengono tanti tanti, ma piccoli). Riconosco quando la cagliata è terminata perchè l’acquetta tra i fiocchi è “giallina” ma bella trasparente.Io avevo letto che si mette il cagliante a 80°, così aspetto sempre un paio di minuti che il latte non sia più bollente… Non so se possa essere questo il problema! Se ti interessa il fosfato di calcio si trova in farmacia e se ne usano 1 o 2 cucchiaini per un litro abbondante di latte di soia. Le dosi per il Nigari purtroppo non le conosco…Ah! Io nella pressa uso un pezzo di lenzuolo “riciclato” e tagliato. Non è che la tua garza è maglie troppo larghe? Vorrei saperti aiutare di più! Fammi sapere 🙂

    Mi piace

  3. grazie m.f., nel frattempo ho cercato anche un po’ in rete ed ho scoperto che il fatto di mescolare delicatamente quando si versa il nigari un po’ alla volta è un aspetto di una certa rilevanza….ebbene, io ci andavo con la mia solita “usta” da orca, dunque…….dunque stasera ci riprovo (ora i fagioli sono in acqua)!! ti faccio sapere, ancora grazei, sei carinissima!marta

    Mi piace

  4. Ciao Marta! Hai ragione! In un video avevo visto che era meglio sciogliere il cagliante in poca acqua prima di versarlo, proprio per mescolare lentamente! Io però butto il cucchiaino così com’è nella brocca e poi mescolo, però con delicatezza! Fammi sapere mi raccomando! Ciao 🙂

    Mi piace

  5. eccomi! CE L’HO FATTA!!!!ho fatto così: intanto ho abbondato col nigari (forse troppo visto che poi il tofu mi sembrava “amarognolo” assaggiandolo), che ho sciolto in due dita di acqua in un bicchiere – poi, prima di versarlo nel latte bollente, ho dato una mescolata energica e, mentre il liquido ancora vorticava, ho fatto scendere piano piano il contenuto del bicchiere (anche questo l’ho letto da qualche parte..). bè, ha funzionato! l’acqua “fra i fiocchi” era gialla ma bella trasparente come dicevi tu.ora il panetto è in frigo immerso in acqua, stasera me lo pappo in un qualche modo verduroso. gnam!(devo aggiungere, per dovere di cronaca, che durante tutto il “procedimento” mi sono prodigata in un balletto propiziatorio, poi trasfromatosi in saltelli di felicità verso la fine, quando il buon esito dell’operazione si delineava con chiarezza…io non escludo che anche questo abbia influito!!!! ;-D)ma passiamo alla FASE DUE: cosa succede se il nostro tofu lo saliamo oltre che speziarlo? perchè il tofu in commercio è completamente senza sale?…esperimentando…esperimentando…ALLA PROSSIMA!!marta

    Mi piace

  6. UAU! Sono davvero contenta! Anche io quando abbondo un po’ troppo con il fosfato di calcio, me ne accorgo perchè il tofu sa un po’ di… gesso 🙂Normalmente il tofu si trova senza sale perchè è neutro (in fondo si usa anche per molte preparazioni dolci), ma credo di nulla vieti di salarlo e aromatizzarlo come vuoi, dal momento che lo fai tu!Buona mangiata stasera!!!ciao

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...